Paese Turchia
Data/Durata Aprile 2017, all’inizio di una lezione di 70 minuti

L’attività ha richiesto circa 25 minuti

Soggetti interessati Studente
Età degli studenti Studenti della terza liceo di età compresa fra i 16 e i 17 anni
Contesto Una scuola privata di Istanbul in Turchia: Acarkent Doga Anadolu Lisesi
Tematica trattata Quest’attività è servita a sviluppare le competenze emotive e l’empatia degli studenti permettendo loro di riconoscere le emozioni altrui. L’attività “Indovina come mi sento” è perfetta per favorire la cooperazione all’interno della classe.
Descrizione del caso studio L’insegnante ha osservato a lungo lo stato emotivo dei propri allievi prima di dedicarsi a quest’attività. È opportuno, infatti, svolgerla a seguito di un evento/episodio speciale, in modo da aumentarne l’efficacia.

In questo caso, si è scelto di procedere con quest’attività, nel momento in cui una studentessa aveva dichiarato di sentirsi particolarmente tesa rispetto ai giorni precedenti. Gli studenti si sono, dunque, disposti in semi-cerchio. La studentessa in questione ha dovuto scrivere su un pezzo di carta colorata i sentimenti provati in quel momento. Tutti gli altri studenti hanno dovuto rispondere alla domanda “Quali pensi siano i sentimenti della tua compagna?” su dei fogli di carta. Dopo cinque minuti, gli studenti hanno letto ciò che avevano scritto. L’insegnante li ha incoraggiati a segnalare le emozioni che era state fraintese o meno.

L’attività è stata condotta insieme a un gruppo di studenti che non avevano mai svolto esercizi simili. Per questa ragione, hanno prima ricevuto delle istruzioni. L’insegnante ha risposto ai loro quesiti riguardo alla possibilità di poter rappresentare le proprie emozioni attraverso foto e illustrazioni. Hanno cercato di immedesimarsi nella loro compagna per comprenderne i sentimenti. Dopo aver letto tutto ciò che i compagni avevano scritto, l’umore della ragazza è migliorato perché si è sentita appoggiata dai propri compagni. Così gli studenti hanno insistito affinché potessero svolgere la stessa attività un’altra volta. L’insegnante ha dichiarato che lo avrebbero fatto in un secondo momento, perché non aveva previsto che gli studenti sarebbero stati così interessati. Non pensava che avrebbe sentito gli studenti fare commenti di questo tipo, tenuto conto della cautela e dell’interesse con i quali li aveva approcciati.